Ma torniamo ad Obamaimeang

Ma torniamo ad Obamaimeang. A partire da una piccola (la stessa storia di un sogno d’infanzia), durante la stagione 2016/17, ha ammesso che il suo agente padre (e l’ex scout di Milano, dove entrambi hanno iniziato) era in trattativa con il Manchester City, ma nessuno dei due che non hanno comportato. E la scorsa estate dopo quei primi “fiori” e “bacche”: l’attaccante dichiarò apertamente che era pronto e vorrebbe cambiare la situazione.

Il principale favorito ad un certo punto è stato il PSG, ma nel club di Parigi il direttore sportivo è stato sostituito (Patrick Kluivert è partito, è arrivato Antero Enrique) e l’accordo è fallito. In Baviera, Obama stesso non voleva: “Non ci andrò mai. Direi “no” a prescindere dalle condizioni. Sarebbe troppo difficile per i fan del Borussia “, ha detto. In Italia, la Juventus e il Napoli non hanno mostrato alcun interesse, e Milano sembrava essere pronta a richiamare il suo allievo, ma ha trovato il prezzo richiesto dal Borussia (90 milioni di euro) troppo alto.

Obama è l’ideale per l’Arsenal. Anche Tottenham odia la foto: obiettivo, arsenale

Per quanto riguarda i due principali campionati europei, quindi il benvenuto al giocatore “Real” speso sverhuspeshnyh stagione e non ha deciso di aggiornare la composizione (per il quale soffre ora), e “Barcelona”, dopo la partenza di Neimar e in presenza di Messi con Suarez non è particolarmente necessario in prima linea e per il ruolo di un uomo capace di giocare sul fianco, ha preso un altro Dortmund Dembele. In Inghilterra, “Manchester United” seleziona Lukaku, il “Manchester City” è stato Aguero e Gesù, il “Chelsea” – Morata e Michy Batshuayi, il “Tottenham” – Kane, il “Arsenal” – Lacazette, Sanchez e Giroux, bene ” Il Liverpool “era troppo occupato tenendo Coutinho per prestare attenzione a qualcos’altro.

Così Obama e rimasto nel “Borussia” – fino all’inverno, che è diventato chiaro che la squadra nel migliore dei casi, brilla un altro biglietto per la Champions League. In “Arsenal”, Obama non ha affatto il fatto che anche lei lo otterrà, ma non ha dovuto scegliere dove andare. Opzione con la Cina, dove i gabonesi sembravano disposti a pagare 30 milioni di euro all’anno, puoi provare e poi. Inoltre, il passaggio a “Arsenal” comporta molti potenziali vantaggi per tutti.